Le assicurazioni sanitarie rappresentano una soluzione alternativa rispetto al Sistema Sanitario nazionale. Il grande vantaggio di queste polizze assicurative è garantire l'accesso rapido a visite e prestazioni mediche, che altrimenti richiederebbero dei tempi di attesa decisamente più lunghi. Un altro aspetto positivo riguarda il risvolto economico, infatti grazie a queste soluzioni assicurative è possibile ridurre l'impatto delle spese.

A cosa serve un'assicurazione sanitaria?

Le assicurazioni sanitarie sono molto diffuse in tutti quei Paesi non dotati di un sistema di assistenza sanitaria statale. Tuttavia, a causa dei problemi emersi nel corso degli ultimi anni, anche in Italia stanno prendendo piede queste particolari soluzioni assicurative che garantiscono dei tempi di attesa decisamente più brevi e l'accesso a strutture private di alto livello.

Sottoscrivere un'assicurazione sanitaria consente anche di avere anche un sostegno economico, riuscendo quindi a coprire i costi spesso molto elevati di queste strutture. Esistono diversi tipi di polizze sanitarie che consentono di offrire una copertura diversa a seconda delle esigenze dell'assicurato. Queste polizze sono scelte non solo dai privati e dalle famiglie, ma anche dalle aziende a favore dei loro dipendenti.

Da leggere: Come funzione l'assicurazione professionale per i medici?

Perché conviene sottoscrivere una polizza sanitaria?

I disservizi e le mancanze del servizio sanitario sono una valida motivazione per considerare queste polizze, soprattutto in alcuni casi specifici. Infatti, oltre ai lunghi tempi di attesa, l'assistenza sanitaria statale prevede il pagamento del ticket non garantendo l'adeguato supporto in casi specifici.

Queste polizze coprono le spese legate al ricovero e degenza, cure dentistiche, fisioterapiche e di riabilitazione; incluso l'acquisto di medicinali durante il periodo di ricovero e il costo di accertamenti diagnostici legati alla malattia o all'infortunio.

Avere un'assicurazione sanitaria significa avere la garanzia di un rimborso – totale o parziale – della spesa sostenuta. Tuttavia occorre specificare che molte polizze sanitarie prevedono un limite d'età, che in genere oscilla tra 65 e gli 80 anni, la fascia d'età in cui si necessita con maggiore frequenza di cure e visite mediche.

Come scegliere l'assicurazione sanitaria?

Tutte le compagnie assicurative consentono ai loro clienti di personalizzare la propria polizza assicurativa le polizze, infatti la maggior parte delle polizze sono modulari e componibili a seconda delle proprie esigenze e a fronte del pagamento di un premio annuale. Al momento della scelta bisognerà quindi valutare alcuni aspetti specifici:

il massimale, che corrisponde alla somma più alta che l'assicurazione si impegna a risarcire;

la franchigia, la copertura di una percentuale del pagamento da parte dell'assicurato;

le prestazioni sanitarie garantite.

Data l'ampia scelta del mercato, il modo migliore per scegliere la polizza assicurativa sanitaria più adatta alle proprie esigenze è confrontare varie proposte, richiedendo dei preventivi. Infatti in questi documenti sono racchiuse sia le condizioni economiche sia i dati informativi che aiuteranno a scegliere la formula più adatta alle proprie esigenze.

Cosa non coprono le assicurazioni sanitarie?

Le assicurazioni sanitarie non prevedono nessun tipo di copertura in alcuni casi specifici. Infatti non sono coperti gli interventi estetici e finalizzati alla correzione di difetti fisici, compresi le cure dietologiche. Sono esenti anche gli aborti volontari, quindi non necessari per la tutela della salute della paziente, la schizofrenia e altre patologie psichiche e tutti le forme di dipendenza derivanti dall'abuso di alcol, sostanze stupefacenti, allucinogeni e psicofarmaci.