La polizza CAR (Contractor’s All Risk) è una di quelle assicurazioni che entrano in gioco quando tu, ente pubblico o impresa privata, commissioni a terzi la costruzione di immobili o addirittura di opere pubbliche, come strade, ponti, dighe, ecc. Si tratta di una polizza non obbligatoria che è possibile stipulare anche nel caso in cui l’impresa costruttrice abbia vinto un appalto pubblico per la realizzazione di una determinata opera: anche in questi casi, infatti, trattandosi sempre e comunque di imprese di terze parti è bene tutelare la buona riuscita dell’opera in costruzione, attribuendo tutte le responsabilità civili all’impresa costruttrice che, in caso di eventuali sinistri, dovrà pagare di tasca propria il valore dei danni subiti. Nei prossimi paragrafi ti spieghiamo nel dettaglio il funzionamento di questa polizza.

Polizza CAR: quando si stipula e come funziona?

La polizza CAR è un’assicurazione assolutamente non obbligatoria ma molto consigliata, che entra in gioco quando tu, impresa, privato o ente pubblico vuoi assicurare i lavori di costruzione dell’opera commissionata durante l’intero periodo in cui il cantiere rimane attivo, e in alcuni casi anche oltre, grazie alla possibilità di estendere la copertura anche al periodo di manutenzione successivo.

La polizza Contractor’s All Risk fa dunque ricadere la responsabilità civile sull’impresa costruttrice sia nel caso di danni materiali provocati all’opera, sia per incidenti causati da terzi in modo involontario, come ad esempio infortuni sul lavoro o nel peggiore dei casi, morte. Questa polizza assicura ogni singolo membro del team responsabile della costruzione dell’opera, a partire dal committente fino ad arrivare all’impresa costruttrice, per poi passare ad eventuali fornitori, progettisti e ai singoli installatori che lavorano in cantiere. Si tratta infatti di una polizza in grado di coprire ogni rischio, come indica il nome stesso. Il tutto, come già detto, ricade però sull’azienda costruttrice, che avrà piena responsabilità dei danni causati alla struttura in costruzione e dovrà essere pronta a pagare eventuali rimborsi in caso si verifichino dei sinistri; il tutto ovviamente nei limiti dei valori massimali stabiliti durante la stipulazione della polizza.

DA LEGGERE: Quali sono le migliori polizze per professionisti del 2017?

Polizza CAR e appalti pubblici

Esistono poi alcune varianti di questa polizza, come quella dedicata ai lavori di costruzione dove l’impresa incaricata dell’operazione è stata scelta tramite concorso e dunque tramite appalti pubblici. In questi casi la polizza si rivolge a quelle opere di costruzione di beni pubblici, come può essere il caso di strutture comunali, strade, ponti e quant’altro. Il comune o l’ente pubblico incaricato di commissionare i lavori, in questo caso, si troverà a fare i conti con un’impresa appaltatrice eletta tramite concorso pubblico: un motivo in più per siglare il tutto con una polizza CAR in grado di coprire ogni singolo incidente di percorso.

In questi casi la polizza è molto simile alla sua versione tradizionale e include sia danni dovuti ad agenti interni, come infortuni, incidenti, errori di costruzione o progettazione, sia quelli provenienti da agenti esterni, come in caso di furti, incendi, danni vandalici o danni provocati da fenomeni atmosferici. La polizza può poi essere modificata in base alle proprie necessità, aggiungendo o rimuovendo altri vincoli. Ad esempio, è possibile aggiungere delle garanzie accessorie, come la sopracitata polizza estesa temporalmente al periodo di manutenzione, ma anche garanzie aggiuntive su eventuali spese di sgombero e/o demolizione.