Le assicurazioni scolastiche sono delle assicurazioni pensate per proteggere i più piccoli mentre sono impegnati nelle ore di scuola. Permettono di tutelare il piccolo da eventuali sinistri e infortuni che potrebbero capitare durante il classico svolgimento delle attività didattiche. Ecco di cosa si tratta.

Come funzionano le assicurazioni scolastiche?

Quando si diventa genitori, la salute dei propri figli diventa il bene assoluto da preservare a tutti i costi. Se all'interno della propria abitazione spetta ai genitori tenere sotto controllo il bambino al fine di metterlo al riparo da piccoli infortuni, quando si varcano le porte delle scuole il tutto passa nelle mani degli educatori.

Al contrario di una abitazione, una scuola è un ambiente molto più dinamico. I bambini vengono messi in contatto con centinaia di altri coetanei e, durante le attività ricreative all'aperto, può capitare di andare incontro a qualche piccolo sinistro. Le assicurazioni scolastiche sono delle formule che vanno a prendere in considerazione proprio questi eventi.

Attualmente la legge vigente impone a tutti gli istituti scolastici di sottoscrivere una polizza assicurativa con l'Inail per ogni alunno. Questa permette di coprire ogni persona solo per gli infortuni che fanno riferimento a due categorie ben definite di attività: laboratorio ed educazione fisica. Per tutte le altre attività svolte al di fuori di queste due sopracitate, ogni istituto deve provvedere alla sottoscrizione di una polizza ad hoc con una qualsiasi compagnia assicurativa.

Questo perché, come si sa, i piccoli sinistri possono accadere anche fra i banchi di scuola, mentre il docente è distratto o a seguito di un innocente dispetto con un compagno di classe. Nella maggior parte dei casi, la sottoscrizione di una polizza assicurativa ad hoc con una compagnia assicurativa viene sottoscritta dall'istituto a seguito di una delibera del Consiglio di Istituto.

Infatti, ad ogni famiglia viene proposta una polizza integrativa infortuni e responsabilità civile. Questa è la più comune fra le assicurazioni scolastiche e molto spesso comportano una spesa minima per ogni famiglia. Secondo alcuni studi di settore, esse difficilmente arrivano a costare più di 10 euro l'anno. Nel caso in cui la scuola non dovesse proporre autonomamente una soluzione del genere, spetta ai genitori portare il tutto all'attenzione del Consiglio di Istituto al fine di attivarsi per sottoscriverne una. Questo perché gli istituti non sono obbligati per legge a proporre una assicurazione tale da coprire infortuni al di fuori delle attività di laboratorio e di educazione fisica.

DA LEGGERE: Come funziona la polizza previdenziale integrativa e come scegliere la migliore

Assicurazioni scolastiche: cosa coprono?

L'assicurazione ad hoc è pensata per coprire gli studenti dagli infortuni che possono subire o provocare durante l'intero svolgimento della giornata scolastica, sia per la responsabilità civile per eventuali danni provocati ai compagni di scuola e contempla anche rimborsi per ogni spesa sostenuta.

Andrebbe presa anche in considerazione una assicurazione che copra tutte le attività svolte anche all'esterno della struttura scolastica e, soprattutto, per il tragitto da e verso casa.