Ampio è il ventaglio delle offerte sulle assicurazioni che è possibile sottoscrivere per tutelarsi nelle diverse situazioni. Pensiamo alle assicurazioni viaggio, a quelle sulle calamità naturali o sulla vita. In particolare, oggi vorremmo parlarti di una polizza ancora poco conosciuta, ovvero l'assicurazione capofamiglia. Se sei curioso di capire come funziona e quando conviene sottoscriverla, ti consigliamo di continuare a leggere questo articolo.

Assicurazione capofamiglia: a cosa serve?

L'assicurazione capofamiglia rientra nella grande famiglia delle polizze per la casa volte a tutelare non solo la nostra proprietà abitativa ma anche gli oggetti e i soggetti che in essa dimorano. Le assicurazioni per la casa tutelano il tuo ambiente abitativo, fondamentalmente gli oggetti e l'intero locale magari a rischio incendio o a furto.

In particolare, proprio perché è una soluzione assicurativa che tutela anche le persone, la polizza capofamiglia è un prodotto a metà strada tra le assicurazioni per la casa e le assicurazioni personali, queste ultime atte a proteggere le persone in caso di danni o infortuni.

Essa infatti, contrariamente a quanto si possa pensare, non va a tutelare solo la persona che, nel nucleo familiare, rappresenta colui che si fa carico di tutte le spese - solitamente è il padre di famiglia -, ma anche tutti gli altri componenti della famiglia.

Ma in quali circostanze? Semplice: se ad esempio dovesse esplodere un elettrodomestico, se dovesse scoppiare un incendio, se si dovesse danneggiare qualcosa di terzi, l'assicurazione in questione può venirti incontro.

Le circostanze soggette a copertura assicurativa possono essere tantissime e variano a seconda della compagnia assicurativa. Tutti i casi coperti dalla polizza dovranno essere indicati e specificati nel contratto assicurativo.

Qualora si dovesse verificare una delle circostanze rientranti nella copertura della suddetta assicurazione, l'incidente deve essere certificato secondo la procedura prevista dalla compagnia. Questa, una volta appurato che il caso rientri in quelli previsti dal contratto, provvede all'erogazione del risarcimento, purché questo non superi il tetto massimo fissato durante la stipulazione del contratto.

DA LEGGERE: Assicurazioni contro terzi, l'utilità di una tutela della nostra sfera privata

Assicurazione capofamiglia, qualche esempio

L'assicurazione capofamiglia prevede, in tutti i casi, il pagamento di una cifra mensile come tutte le polizze classiche. Essa, come detto, prevede il risarcimento di svariate tipologie di danni per i familiari, a condizione che questi soggetti risiedano sotto lo stesso tetto del capofamiglia.

Fra le migliori compagnie assicurativi che erogano questo servizio troviamo UniPolSai, Europe Assistance o Generali Italia. Ciascuna di queste compagnie mette a disposizione premi assicurativi, massimali e franchigia con valori differenti.

Una volta sottoscritta la polizza, generalmente la sua emissione effettiva avviene nell'arco di circa dieci giorni. Una volta attivata, il capofamiglia e tutti gli appartenenti al suo nucleo familiare saranno coperti dalla polizza scelta per la tipologia di danni previsti come da contratto.