Le assicurazione viaggio offrono ai viaggiatori la certezza di affrontare un viaggio tutelandosi da eventuali imprevisti che potrebbero rovinare, o compromettere del tutto, la buona riuscita della vacanza. Come qualunque altra polizza, anche le assicurazioni viaggio si basano su alcuni "principi base" validi per tutti, a cui si sommano alcune clausole che garantiscono anche una buona dose di flessibilità necessaria per soddisfare le specifiche esigenze dei viaggiatori. Cerchiamo di capire esattamente come funzionano e quali sono le condizioni e i vantaggi offerti da queste particolari soluzioni assicurative.

Assicurazioni viaggi: la soluzione ideale per viaggiare sicuri

La vacanza, si sa, è il sogno inseguito per un anno intero. Per questo motivo consigliamo ai nostri lettori di valutare con attenzione la possibilità di sottoscrivere una polizza assicurativa per il proprio viaggio, leggendo con attenzione le condizioni contrattuali, che secondo le nuove direttive europee, dovranno essere descritte in modo chiaro e trasparente. Come regola generale vi consigliamo di sottoscrivere un'assicurazione viaggio se intendete raggiungere un Paese estero con un ordinamento giuridico totalmente diverso da quello italiano o in condizioni socio-politiche particolarmente delicate.

Da leggere: AXA Tutta la Vita, 3 benefici in un'unica polizza vita

Si può chiedere il rimborso in caso di annullamento del viaggio?

Una delle circostanze in cui possedere delle assicurazioni viaggio può risultare particolarmente utile è l'improvviso annullamento del viaggio, magari in seguito ad un malessere improvviso o un incidente. In questo caso bisognerà considerare il pagamento di qualche costo aggiuntivo - costo di recesso - il cui importo potrà salire fino a raggiungere anche la totalità del prezzo complessivo del viaggio. Molte agenzie e tour operator propongono ai loro clienti la sottoscrizione di questa particolare copertura, che potrà essere sottoscritta contestualmente alla prenotazione del viaggio o al massimo entro 8 giorni.

E se i bagagli vengono smarriti?

La perdita dei bagagli è una delle problematiche più ricorrenti. Nella maggior parte dei casi si tende ad addossare la colpa al viaggiatore e alla sua "distrazione", quindi meglio evitare di lasciare i bagagli ed effetti personali incustoditi. Tuttavia, la maggior parte delle assicurazioni viaggi prevedono dei rimborsi sia in caso di smarrimento anche nel caso in cui le valigie dovessero arrivare con qualche giorno di ritardo. Un consiglio davvero utile in questi casi è quello di conservare gli scontrini, infatti nel caso di macchine fotografiche, gioielli, e altri tipi di apparecchi di natura elettronica, è previsto un rimborso pari alla metà dei costi sostenuti.

Cosa succede in caso di malattia o di infortunio?

Se la meta delle vacanze è un Paese extra europeo in condizioni igienico-sanitarie critiche, sarebbe opportuno partire dotati della Tessera europea di assicurazione e malattia (Team). Si tratta di un tesserino rilasciato dal servizio sanitario nazionale, dalla durata di 5 anni, che assicura l'accesso a cure mediche immediate. Sebbene l'Italia abbia avviato degli accordi sanitari con alcuni Paesi, come Brasile e Australia, è consigliabile prima della partenza contattare la propria Azienda sanitaria locale e informarsi sulle procedure previste dal sistema nazionale locale. Molte agenzie offrono un'assicurazione viaggio a copertura delle malattie e degli infortuni compresa nel costo della vacanza.

E in caso di imprevisti di altra natura?

Se in seguito a motivi di tipo professionale, come spostamento delle ferie, licenziamento, o di furto presso la propria abitazione, o calamità naturali, o ancora improvvisi scioperi che impediscono di raggiungere il luogo di partenza, è possibile richiedere un bonus da impiegare per l'acquisto di un altro viaggio. Esistono anche assicurazioni viaggio che offrono un risarcimento in caso di problemi di salute. Alla donne in gravidanza è riconosciuto un trattamento particolare che non offre garanzie se il parto si verifica in un periodo inferiore ai due mesi, in questo caso non è riconosciuta nessuna forma di indennizzo. Nel caso in cui malesseri o malattie dovessero manifestarsi poco tempo prima della partenza, è consigliabile contattare tempestivamente la propria agenzia per evitare brutte sorprese.