Le polizze assicurative per disabili gravi presto potranno essere detraibili. Una bella notizia per chi ad esempio ha un familiare con una disabilità grave da accudire e desidera tutelarlo anche per il futuro, assicurandogli una fonte di reddito. Le polizze assicurative, del resto, servono proprio a questo: proteggere le persone che ami e i beni che ti stanno a cuore. Certo, spesso stipulare una polizza comporta uno sforzo economico non indifferente, ma il semplice confronto delle assicurazioni presenti sul mercato permetterà a chi non si farà prendere dalla pigrizia di scovare soluzioni di qualità, ma convenienti.

Un settore, quello assicurativo, che ultimamente si sta trasformando per offrire un servizio sempre migliore al consumatore. Dagli ammonimenti alle banche sulle pratiche scorrette nella vendita delle polizze mutui ad una più generica imposizione dell'Ue di maggiore trasparenza in fatto di assicurazioni: sembra che i cambiamenti nel settore non mancheranno nei prossimi mesi.

Polizze per disabili: in autunno arriverà l'approvazione della Camera

Questo autunno verrà approvata alla Camera la proposta di legge con le Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare. La proposta, meglio conosciuta con il titolo "Dopo di noi" è stata frutto di un anno di lavoro della Commissioni Affari Sociali della Camera dei Deputati. Il 30 luglio scorso la Commissione ha finalmente licenziato il disegno di legge, che ora può passare all'approvazione delle altre commissioni competenti. Dopo che queste avranno espresso il loro parere (che tutti ritengono sarà positivo) la proposta passerà al Senato per l'approvazione definitiva.

LEGGI ANCHE: Polizze sui mutui: ammonite banche e compagnie assicurative

La legge si propone di creare le condizioni perché le persone affette da disabilità grave e prive del sostegno familiare non debbano per forza vivere in strutture dedicate, ma possano essere accudite a domicilio, oltre che partecipare a programmi per l'acquisizione di competenze per le gestione della loro vita quotidiana, quando possibile. Iniziative che, per la loro attuazione, potranno contare su un Fondo di 190 milioni di euro nel periodo 2016-2018. A ciò fa seguito tutta una serie di agevolazioni, come appunto la detraibilità delle polizze stipulate per la tutela delle persone disabili, che potranno invece contare su un budget di 116 milioni di euro per la loro realizzazione, sempre spalmati nello stesso arco di tempo.

Oltre alla detraibilità delle polizze assicurative il disegno di legge prevede anche agevolazioni tributarie che favoriscano la costituzione di trust, una forma di tutele legale, con il quale i genitori di un figlio affetto da disabilità grave possano trasferire beni ad un soggetto di fiducia che li utilizzi per garantire la copertura delle spese relative al mantenimento e alle cure del figlio.