Le assicurazioni vita sono un indennizzo sempre più adottato. Le famiglie infatti vogliono tutelarsi da eventuali incidenti che purtroppo possono capitare nella vita di tutti i giorni. Proprio per questo sono sempre di più coloro che mettono le assicurazioni vita offerte dalle diverse compagnie a confronto, per trovare l’offerta più adatta alle proprie esigenze. In quest’ottica è bene anche conoscere quali vantaggi dal punto di vista fiscale si possono avere tramite questo genere di polizze.

Gli sgravi previsti dalla spending review

Negli ultimi tempi il Governo ha attuato un riordinamento del sistema relativo alle agevolazioni fiscali, contenuto nella spending review. In questo panorama, in cui la sottoscrizione di polizze sulla vita è salita del 17,6% su base annuale a Gennaio, è utile vedere a quanto ammonta la detrazione relativa al comparto assicurativo. Il massimo da portare a detrazione per le assicurazioni vita di rischio morte o invalidità è stato portato a 530 euro, mentre la relativa aliquota è rimasta al 19%, la stessa percentuale degli altri oneri detraibili.

Per quanto riguarda poi le polizze che coprono solamente i casi di infortuni, la detrazione sarà concessa solo ai cittadini che hanno stipulato tali contratti entro la fine dell’anno 2000. Le assicurazioni che prevedono invece anche la copertura di non autosufficienza giornaliera, e quindi l’impossibilità di deambulazione, di alimentazione autonoma o di igiene personale, prevedono un premio massimo da detrarre pari a 1.291,14 euro.

Le assicurazioni vita miste

Ci sono poi le assicurazioni vita miste, ossia quelle che coprono non solo il decesso, ma anche gli infortuni. Per questo genere di polizze bisogna individuare solo la parte del premio che copre il rischio di morte, mentre per gli infortuni bisogna verificare se ci sia la copertura per i casi di invalidità per poter detrarre anche quella parte del premio. In caso contrario sarà possibile solamente chiedere lo sgravio dei 530 euro come per le classiche polizze vita.

Per quanto concerne la compilazione del modello 730, si ricorda poi che va utilizzato il codice 36 per le detrazioni fino a 530 euro, e il codice 37 per i contratti che prevedono l’eventualità della non autosufficienza, con il tetto massimo di 1.291,14 euro. È dunque bene informarsi riguardo alle detrazioni possibili prima di sottoscrivere una determinata assicurazione vita, per poter scegliere quella più conveniente anche in base agli sgravi fiscali.