Le assicurazioni casa sono una realtà ancora poco diffusa nel nostro Paese. Rispetto al numero complessivo di proprietari di immobili, solo il 31% circa sceglie di assicurare la propria abitazione. La motivazione è da ricercarsi soprattutto nel costo elevato di tali prodotti. Una buona idea per riuscire a trovare il giusto equilibrio tra qualità del servizio e prezzo è quello di porre le assicurazioni offerte dalle varie compagnie a confronto, analizzandone le condizioni e trovando quella più vantaggiosa per la propria situazione.

Anche se onerose, le assicurazioni casa possono però metterci al riparo da molti inconvenienti, al punto che si pensava perfino di renderle obbligatorie nelle zone soggette a calamità naturali. Esistono infatti prodotti molto validi che, per la sicurezza che garantiscono, andrebbero senz'altro presi in considerazione. Ce ne propone una classifica Corriere Economia, la quale vede primeggiare come copertura più completa l'offerta di Sara, subito seguita da Zurich e Genertel.

Assicurazioni casa: perché in Italia non hanno successo?

Secondo Christian Baker, direttore dell'Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, autore della ricerca per conto di Corriere Economia, la motivazione è la scarsa informazione e la complessità che questi prodotti hanno agli occhi di un consumatore inesperto.

Le assicurazioni casa sono di fatto polizze multirischio, ovvero che tutelano da un buon numero di diversi imprevisti. Oltre alle coperture più tradizionali come incendio, furti e responsabilità civile verso terzi, possono essere oggetto di rimborso anche i danni provocati da perdite di acqua e i costi sostenuti per individuarne la fonte. Inoltre, alcune polizze prevedono anche dei servizi di assistenza gratuiti nel caso sia necessario l'intervento di un elettricista, fabbro o idraulico.

Qualche consiglio per non avere brutte sorprese

Innanzitutto attenzione a non stipulare una polizza per un valore troppo basso rispetto a quello dei tuoi beni o del tuo immobile. In caso di incidenti, infatti, il rischio sarebbe quello di ottenere un rimborso troppo inferiore al reale danno subito.

Prima di firmare il contratto è poi opportuno valutare attentamente tutte le clausole. In caso di incendio, ad esempio, il rimborso non è detto che sia sempre assicurato: se ad esempio l'episodio è stato causato da usura o cattiva manutenzione, piuttosto che da calamità naturali, non è detto che la compagnia ci risarcisca.

Anche i casi di furto non sono sempre coperti dalla polizza. Se ad esempio perdi le chiavi e dei ladri le utilizzano per entrare nella tua casa e rubare, la copertura potrebbe risultare inutile, proprio perché non c'è stata effrazione. Attenzione anche alla clausola di "disabitazione": se infatti la casa rimane disabitata per troppo tempo (di solito il limite è 45 gg), la copertura sul furto potrebbe decadere.

Assicurazione casa sì o no?

In ogni caso, dal momento che l'assicurazione casa non è obbligatoria per legge, è a discrezione i ciascuno di noi scegliere se stipularla o meno. Certo, i benefici che offre sono molti, quindi sarebbe consigliabile farci almeno un pensierino.

Anche se la spesa ci dovesse sembrare troppo onerosa, infatti, la cifra che ci toccherebbe tirar fuori in caso di danni all'appartamento potrebbe essere molto più elevata. In questi casi meglio essere previdenti e giocare d'anticipo.