Casalinghe professioniste, non c’è da scherzare. Stare dietro alla casa e a tutto quello che le gira intorno è un lavoro a tempo pieno, che non prevede giorni di pausa né, se è per questo, una retribuzione. C’è chi però ha pensato a tutelare anche le casalinghe (o i casalinghi, visto che viviamo in un paese democratico), e quindi dal 1999 esiste un’assicurazione anche per gli infortuni domestici. A differenza degli altri e svariati tipi di assicurazione esistenti, che sono erogati da diverse compagnie e quindi per scegliere la più adatta alle proprie esigenze è bene mettere le assicurazioni presenti sul mercato a confronto, l’assicurazione per infortuni domestici è unica e viene erogata dall’Inail.

Introdotta nel 1999

Dal 3 dicembre 1999 infatti lo Stato italiano ha previsto l’introduzione di un’assicurazione obbligatoria per il lavoro svolto in ambito domestico, il cui premio annuale è scaduto il 31 gennaio scorso, data entro la quale era anche possibile sottoscrivere un’assicurazione sulla casa gratuita se si aderiva ad un piano di fornitura luce e gas con l’operatore Eni.

Cosa prevede

Ecco cosa prevede l’assicurazione per gli infortuni delle casalinghe valida per il 2015. Innanzitutto non fa male ripetere che è obbligatoria e garantisce una tutela per tutti gli infortuni avvenuti in ambito domestico da cui derivi un’invalidità superiore al 27%.

Prevede il pagamento di un premio annuale di 12,91 euro, scaduto appunto lo scorso 31 gennaio, che, in caso di infortunio, garantisce una rendita vitalizia di importo compreso tra i 180 e i 1200 euro, in base all’entità dell’incidente subito e della conseguente percentuale di invalidità.

Rendita vitalizia

Si ha diritto ad una rendita mensile di 186,17 euro in caso di invalidità al 27%, per arrivare a 1292,90 euro al mese se l’invalidità è al 100%. Se all’infortunio segue la morte, è prevista una rendita per i superstiti unita all’assegno funerario di 2131,45 euro.

Sono incluse nella polizza tutte le casalinghe di età compresa tra i 18 e i 65 anni che ricoprano il ruolo in via esclusiva e senza vincolo di subordinazione.

Luoghi di copertura

La copertura dell’assicurazione Inail per le casalinghe copre tutti gli eventi occorsi nell’abitazione e nelle relative pertinenze dove risiede il nucleo familiare, quindi anche soffitta, cantina, giardino, balconi. Se il nucleo familiare abita in un condominio, l’assicurazione per le casalinghe copre anche gli infortuni avvenuti negli spazi comuni, come l’atrio, le scale, i garage, i terrazzi.

Il cosiddetto infortunio in itinere, invece, ovvero l’incidente che può capitare mentre si va a fare la spesa, ad esempio, non è coperto dalla polizza dell’Inail.