Ci sono spese inevitabili, altre limitabili, altre ancora superflue. In tema di assicurazioni, a norma di legge, l'unica tassativamente obbligatoria è quella che interessa l'Rc auto. E in effetti, l'argomento tiene banco e si anima ormai da anni, sostenuto da una legge sempre più 'creativa' sul tema e dallo stringente bisogno di abbattere le spese. Tantissimi sono soliti informarsi sui preventivi assicurazioni auto per avere delucidazioni sulla questione ed essere guidati a scegliere con criterio. Altre tipologie di polizze, invece, non essendo obbligatori, sono considerati superflui dall'opinione comune.

Dalla Liguria alla Lombardia fino alla Sicilia; il maltempo nelle ultime settimane ha sconvolto diverse regioni italiane e ha riacceso vecchie polemiche che, ciclicamente, riportano in auge il tema della sicurezza urbanistica e domestica. E torna d'attualità - ammesso che sia mai passata di moda - la questione polizza sulla casa. Proteggere la propria abitazione è un diritto, un dovere o semplicemente una possibilità? In molti, motivati anche dai fotogrammi shock mandati in onda in questi giorni da tv e web, hanno ripreso a informarsi sulle polizze case, indagando e ponendo le assicurazioni migliori del settore a confronto attraverso internet e individuando le condizioni più vantaggiose sotto tutti i punti di vista.

Una risposta concreta si attende dal Governo. In Spagna e in Francia, ad esempio, esiste l'obbligo di sottoscrivere un'assicurazione sulla casa che protegga da incendi e calamità naturali. Il sospetto è che il limite principale di un simile provvedimento stia nella sua impopolarità e nel rischio di un disboscamento dei voti. Eppure, essa appare sempre più come l'unica soluzione in grado di proteggere davvero i cittadini.

Stando a quanto stimato da Ania già nel 2012, inoltre, non si tratterebbe di un esborso eccessivo. Le stime effettuate dall'ente sulla base dei dati Istat, infatti, parlano di un esborso medio pari ad appena 75 euro l'anno a famiglia, in particolare 67 euro per gli immobili del Nord, 72 euro per quelli del Mezzogiorno, 91 per le residenze del Centro, zavorrate da un alto tasso di sismicità.