Nonostante l'enorme diffusione delle compagnie assicurative che operano e offrono i loro prodotti online, sono moltissimi i consumatori che preferiscono trovare le assicurazioni più convenienti affidandosi ai canali tradizionali, come ad esempio il telefono.

Ad offrire prodotti assicurativi in questo modo non sono solo le compagnie assicurative tradizionali come Generali Assicurazioni, ma anche soggetti la cui attività non è limitata esclusivamente al campo assicurativo, ma è incentrata soprattutto su altri servizi.

Un esempio tra questi è Poste Italiane, che da gennaio di quest'anno ha iniziato a proporre telefonicamente le proprie polizze assicurative. Una tattica che non è stata preceduta da particolari lanci pubblicitari, ma che in questi mesi ha già fatto conquistare 10 mila clienti all'azienda.

Questa attività di vendita per telefono, infatti, è ancora in fase iniziale: i risultati però, sembrano essere positivi e quindi l'iniziativa potrebbe essere presto estesa anche ad altri prodotti, assicurativi e non.

Attualmente la vendita telefonica è riservata a coloro che hanno già un conto corrente di Poste Italiane e riguarda soprattutto una polizza danni e una infortuni, ProntoPoste Protezioni Infortuni. Questa polizza tutela dagli infortuni che possono verificarsi sia durante lo svolgimento della propria attività professionale sia nel tempo libero oppure in casa. Si può scegliere tra tre diverse coperture assicurative, il cui prezzo parte da 24,50 euro al mese.

L'offerta in materia di polizze assicurativa è comunque molto vasta e comprende varie soluzioni. Poste Assicura, infatti, offre dei prodotti pensati per ogni fascia d'età: ad esempio, se i giovani fino ai 18 devono pensare soprattutto a tutelarsi da eventuali infortuni ed interventi sanitari, dai 18 anni in poi si può pensare ad un'assicurazione per la casa.

Tra i 31 e i 40 anni, poi, ci si può rivolgere alle Poste Italiane per sottoscrivere una polizza che tuteli in caso di perdita dell'autosufficienza, oppure una che tuteli il proprio patrimonio e il proprio reddito.