Il Parlamento europeo sembra dimostrare sempre maggior interesse nei confronti del mercato delle assicurazioni: se per il momento creare un mercato unico sembra impossibile, da Strasburgo si tenta perlomeno di introdurre nuove regole per la solvibilità delle compagnie. I beneficiari, ovviamente, sono i consumatori che, tutelati da regole più chiare, potranno risparmiare sul costo delle assicurazioni online e su quelle tradizionali.

Si tratta di regole alle quali tutte le compagnie assicurative, da Assicurazioni Generali a Direct Line, dovranno adattarsi, qualunque sia il ramo in cui operano: si va quindi dalle polizze auto a quelle per la vita, dalle polizze casa ai fondi pensionistici.

Le nuove regole, approvate con una maggioranza schiacciante dal Parlamento europeo, ricalcano, in tema di solvibilità, le norme che riguardano i requisiti di capitale delle banche: in particolare, si ampliano i poteri dell'authority europea su assicurazioni e temi pensionistici (Eiopa), che ha funzioni di controllo e vigilanza.

Inoltre si definiscono con maggiore severità le riserve sulla copertura dei rischi a lungo termine di cui le compagnie assicurative devono tener conto prima di stipulare polizze vita e fondi pensionistici a privati cittadini. Le nuove regole entreranno in vigore a partire dal primo gennaio 2016.

Secondo quanto stimato dal Parlamento europeo, infine, il valore del mercato assicurativo europeo è pari a 8 miliardi di euro, una cifra che lo qualifica a pieno titolo come il maggior investitore dell'intera Unione. Proprio per questo non sono mancate le polemiche, che additano l'azione delle lobby come responsabile del margine troppo basso scelto dal Parlamento per il deprezzamento degli investimenti.

Non resta quindi che attendere l'attuazione di queste norme e vedere quali effetti avranno sul mercato reale e in particolar modo sui consumatori.