Che il costo dell'Rc auto sia lievitato in maniera esponenziale negli ultimi tempi non è una novità, purtroppo. I consumatori per questo stanno cercando di trovare il preventivo assicurazione più economico in modo da poter circolare protetti ma senza dover sborsare delle cifre esorbitanti.

La possibilità di risparmiare per i guidatori c'è, dalle offerte di Genialloyd a quelle di Quixa, passando per Generali, tutte le principali compagnie del settore cercano di venire incontro ai clienti offrendo dei pacchetti personalizzati e low-cost.

Chi non riesce a trovare l'offerta più adatta al proprio caso però, anche se oggi questo è diventato sicuramente più semplice, sempre più spesso decide di non sottoscrivere alcuna offerta e circolare senza polizza, che secondo il codice della strada è proibito per legge.

Sembra che questa non sia un'idea di pochi, ma che si stia lentamente propagando a tutto lo Stivale, vuoi per il caro-assicurazioni, vuoi anche per la crisi. Infatti a Napoli solo nell'ultimo mese i carabinieri hanno scovato ben 2.561 veicoli che circolavano senza alcuna assicurazione.

I carabinieri oggi sono dotati di un particolare strumento che li collega a un database dove gli assicurati sono "schedati". Risulta quindi semplice sapere se un guidatore è in regola o meno. Le multe firmate dagli agenti sono state 6.806, che significa oltre 3 milioni di euro da versare nelle casse dello stato.

Oltre ad essere sprovvisti di polizza assicurativa molti di questi veicoli sono risultati senza revisione (1.236). 321 sono state invece le macchine che non presentavano strumenti tecnici di equipaggiamento regolamentari.

Con questi dati alla mano i carabinieri hanno deciso di presentarsi anche nelle officine per effettuare ulteriori controlli. In questi accertamenti sono stati rilevati dei centri che non hanno svolto revisioni corrette oppure con scarsi livelli di sicurezza.

Infine sono stati trovati anche dei casi in cui l'Rc auto oppure la revisione risultavano contraffatti, o ancora dove l'officina è stata denunciata per falso ideologico per avere dato delle revisioni senza aver effettivamente fatto alcun controllo sulle auto.