L'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici è stata introdotta dalla Legge n. 493/1999, la quale definisce i requisiti che deve possedere la/il "casalinga/o". Ecco quali:

  • chi ha un'età compresa tra i 18 ed i 65 anni, uomo o donna purché impegnati quotidianamente ed esclusivamente nelle attività casalinghe della propria famiglia (a titolo gratuito);
  • chi svolge a tempo pieno lavori domestici e non ha un rapporto di lavoro subordinato.

L'assicurazione, che ha un importo di € 12,91 annuale, garantisce una tutela contro gli infortuni domestici più frequenti in cui possono incorrere le casalinghe nello svolgimento dei lavori in casa. La scadenza per il pagamento a mezzo di bollettino postale o effettuato online è il 31 gennaio 2014 (ad ogni modo ogni anno entro il 31 gennaio).

DA LEGGERE: Tutela delle casalinghe: l'assicurazione per infortunio domestico

Importante: alcuni soggetti sono esonerati dal pagamento, pur ricevendo la copertura assicurativa. Queste sono le condizioni per avere diritto all'esonero dal pagamento di 12,91 euro:

  • avere un reddito personale (cioè considerando solo quello del richiedente) non superiore ad 4.648,11 euro annui;
  • con un reddito familiare complessivo di massimo € 9.296,22 euro annui.

Per questi soggetti con reddito basso, è lo Stato a corrispondere il premio assicurativo. È possibile farne richiesta presentando all'Inail un'autocertificazione sul possesso dei richiesti.

Chi non effettua il pagamento entro i termini, paga gli interessi di mora; chi, invece, non effettua proprio il pagamento e subisce un incidente domestico, non avrà copertura assicurativa.

Quali rischi copre la polizza? L'assicurato che subisce un infortunio domestico da cui deriva un'invalidità permanente di almeno il 27% ha diritto ad una rendita vitalizia. Se invece ne deriva la morte, l'Inail corrisponderà agli eredi il danno biologico (risarcimento riconosciuto dall'anno 2006).

A quanto ammonta la rendita vitalizia? È riconosciuto un assegno di € 166,79 al mese in caso di invalidità del 27%, fino ad una rendita di € 1.158,33 al mese in caso di invalidità del 100%. In caso di incidente domestico viene corrisposto anche un assegno per il funerale di euro 1.725, oltre al danno da liquidare agli eredi.

Attenzione: se l'incidente avviene durante il tragitto da casa al raggiungimento del "luogo" per svolgere determinate commissioni o per fare la spesa, non si è coperti dalla polizza assicurativa.

Visto che il pagamento annuale è davvero irrisorio, molti potrebbero essere anche esenti, e che gli incidenti domestici accadono con facilità causando fratture, tagli e danni anche gravi, conviene davvero farla. Il pagamento è dunque di euro 12,91 e va effettuato con bollettino postale o online sul sito dell'Inail entro il 31 gennaio 2014 (se fatto successivamente ci sono gli interessi moratori).

Il 31 gennaio 2014 coincide, oltre che con la scadenza per l'assicurazione contro gli infortuni domestici, con un'altra serie di scadenze fiscali.