In un momento complicato per il mercato immobiliare, affittare una casa appare l'unica soluzione per milioni di famiglie italiani: le difficoltà nell'ottenere prestiti e mutui, spinge coppie giovani e gruppi familiari già formati a scegliere la soluzione dell'affitto. In quest'ottica è bene essere informati sulle possibilità di assicurare i propri bene sebbene si viva in una casa non di proprietà.

Le formule di assicurazione casa sono molteplici, anche per chi non è proprietario dell'immobile: si tratta di polizze che sono strettamente legate alla stipula del contratto di locazione, che avvengono dunque contestualmente alla firma con il proprietario.

Con queste tipologie di polizze casa si possono assicurare mobili, elettrodomestici ed altri beni da incendi, furti o altre cause non strettamente dipendenti dall'imperizia dell'affittuario come perdite di gas e perdite d'acqua. Come detto, panorama delle assicurazioni in questo ambito fornisce le soluzione più disparate: andiamo a vederle nel dettaglio.

  • Allianz, Casa Tua Basic: si tratta di un'offerta rivolta a coloro che affittano una casa non più grande di 120 mq e copre sia esplosioni o atti vandalici, che furto, nonché danni provocati dallo stesso affittuario.
  • Genertel, Quality Home: si può assicurare il proprio tetto da alluvioni, terremoti e altre calamità naturali. L'assicurazione copre anche furto e incendio e ha un servizio di riparazione a disposizione 24 ore su 24.
  • Direct Line, Casa e Famiglia: è rivolta sia ai proprietari che agli affittuari dell'immobile. La particolarità è che è dedicata anche agli animali domestici: oltre questo, questa polizza assicura la casa e il suo contenuto da furti e prevede la responsabilità civile e tutela legale.