Assicurazioni, recentemente il governo Letta ha annunciato che saranno imposti tagli alle detrazioni fiscali sulle polizze vita. Cattiva notizia per i risparmiatori che avevano in programma di investire su questo tipo di polizza e assicurare una tutela economica alla propria famiglia. Secondo l'Ania (Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici) si tratta infatti di una "scelta miope" che va a colpire le fasce deboli della popolazione. Purtroppo il provvedimento è retroattivo e colpisce anche chi ha stipulato una polizza vita da gennaio 2013.

Ma allora conviene ancora investire su una polizza vita?

Innanzitutto è utile capire bene di che tipo di assicurazioni si sta parlando ed è bene sapere che esistono due tipologie principali di polizza vita: una che attribuisce il "premio" stabilito alla morte del cliente assicurato e un'altra che invece lo concede quando l'assicurato è ancora in vita a seconda di una data prefissata.

La prima tipologia è una polizza vita classica in cui la compagnia assicurativa si impegna a versare il denaro agli eredi dell'assicurato defunto che voleva evidentemente tutelare la propria famiglia da un improvviso e imprevisto decesso.

La seconda tipologia invece prevede che l'assicurato versi periodicamente alla compagnia delle somme che questa gli restituirà con gli interessi in una data prefissata. Questa è in sostanza anche la formula delle assicurazioni previdenziali o dei fondi di pensione integrativa, soluzioni sempre più gettonate vista anche la crisi in cui l'Inps sta incorrendo.

Un'assicurazione sulla vita è un investimento ovviamente consigliato a chi ha da parte dei soldi che vuole mettere in sicurezza e far fruttare per eventuali bisogni futuri. Come sottolineato dall'Ania non è un lusso per pochi, ma un investimento che molti cittadini di fascia medio bassa decidono di sostenere a tutela della propria famiglia. Sei milioni circa sono gli italiani che usufruiscono di questo tipo di polizze; importante è trovare il giusto accordo con la compagnia per premio assicurativo, tassi d'interesse ed eventuale data di rimborso.