La crisi economica si fa sentire anche nel settore delle assicurazioni. È quanto emerge da uno studio di Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) che documenta come nel 2012 il volume dei premi contabilizzati sia calato sensibilmente, passando da 315 a 256 milioni solo nel settore marittimo, colpito anche dal disastro della Costa Concordia.

Le ragioni di questi numeri le spiega Cristina Castellini, autrice dell'analisi Ania, che come cause principali evidenzia soprattutto "il permanere degli effetti della crisi economica mondiale e una forte concorrenza a livello internazionale per la contrazione dei valori assicurati".

La crisi dei premi contabilizzati coinvolge anche il ramo assicurativo delle merci trasportate (calo del 2,4%) e il ramo "Corpi aeromobili", ovvero gli aerei, che ha fatto registrare un negativo di quasi il 12 punti percentuali.