L'estate 2013 sta per concludersi e i proprietari di barche e yacht si apprestano a parcheggiare il proprio mezzo natante presso il porto. Anche se non la usiamo per tutta la stagione invernale è però importante, e obbligatorio per legge, stipulare per la propria barca o yacht un'assicurazione rc, ovvero sulla responsabilità civile, proprio come si fa per l'automobile. Ecco cosa c'è da sapere.

L'assicurazione rc natanti è obbligatoria per tutte le imbarcazioni con motore che supera i 3 cv di potenza. Questo tipo di polizza copre i danni avvenuti nel corso della navigazione ma anche eventuali incidenti o urti con la barca ferma in porto o su terra. Molte delle più importanti compagnie assicurative offrono questo prodotto; alcuni esempi sono Generali, Allianz, Sara, Genertel, Reale Mutua, che offrono anche preventivi online.

La polizza assicurativa per la propria barca o yacht oltre alla responsabilità civile può garantire anche altri rimborsi a seconda delle clausole concordate. I servizi offerti sono la copertura di

  • danni a persone o cose trasportate sulla barca
  • furto e incendio
  • danni dovuti ad attività di scuola guida, alla pratica di sci acquatico oppure di traino con paracadute
  • altri servizi riguardano l'invio di skipper, equipaggio d'emergenza o medico in caso di incidenti o l'anticipo di denaro per acquisto di pezzi di ricambio dovuti a guasti o danni all'imbarcazione

I prezzi di queste polizze variano ovviamente a seconda delle garanzie accessorie e del tipo di natante assicurato. Per un appassionato questo tipo di prodotto può garantire la completa tutela di cui si può aver bisogno, soprattutto se si è abituati a fare lunghe tratte per mare dove gli imprevisti sono dietro ogni onda.