Le pensioni saranno sempre più basse, tanto che molti devono pensare a tutelarsi con assicurazioni integrative; i pensionati tirano la cinghia; l'INPS abolisce il servizio di ricezione dei modelli 730 ma svolge il servizio di riscossione delle trattenute per le deleghe sindacali anche sulle pensioni minime.

Una legge dell'inizio degli anni settanta (485/72), all'art. 23 octies, prevede un diritto che oggi suona strano, il "diritto" dei pensionati a versare i contributi sindacali attraverso trattenuta sulla pensione da autorizzarsi con delega personale.

Per attuare tale diritto, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali autorizza gli Istituti previdenziali ad assumere il servizio di riscossione dei contributi dovuti dagli iscritti alle Confederazioni sindacali.

In questo quadro, l'INPS sta rinnovando numerose convenzioni con le Organizzazioni sindacali dei pensionati e dei lavoratori. L'INPS, infatti, riscuote le trattenute sindacali anche su prestazioni temporanee e su alcune attività lavorative (lavoratori autonomi).

Modalità di rilascio della delega

La delega, con l'indicazione della misura del contributo e delle autorizzazioni necessarie per la trattazione dei dati, dovrà essere sottoscritta dal titolare della pensione e controfirmata dal responsabile locale del Sindacato, riportato nella lista consegnata all'INPS.

Decorrenza della delega

Gli accordi prevedono che le deleghe, rilasciate da persone già titolari di pensione, vengano presentate alla Struttura territoriale dell'INPS che ha in carico la pensione e le revoche produrranno effetti dal primo giorno del terzo mese successivo a quello dell'acquisizione.

Se presentata con la domanda di pensione, avrà la stessa decorrenza della pensione.

La delega ha una efficacia a tempo indeterminato, se non esplicitamente revocata. Nel caso in cui l'INPS riceva comunicazione direttamente dal pensionato della sua volontà di revocare la delega per la trattenuta sindacale sulla pensione, procederà all'acquisizione della revoca.

Misura del contributo sindacale

L'ammontare del contributo sindacale è stabilito nelle seguenti percentuali dell'importo lordo delle singole rate di pensione compresa la tredicesima:

  1. 0,50 % sugli importi compresi entro la misura del trattamento minimo (€495,43);
  2. 0,40 % sugli importi compresi tra il trattamento minimo e il suo doppio;
  3. 0,35 % sugli importi eccedenti il doppio della misura del trattamento minimo.

Compensi per il servizio

L'INPS precisa che per il servizio di riscossione dei contributi sindacali i costi "sono stati determinati sulla base delle risultanze della contabilità analitica per l'esercizio 2011".

In base a tale determinazione, le convenzioni prevedono i seguenti compensi:

  • Nuova delega su domanda di pensione € 0,04
  • Nuova delega su pensione esistente € 0,74
  • Revoca delega € 0,74
  • Variazione (revoca + acquisizione nuova delega) € 1,48
  • Gestione delega € 0,04

A noi il compenso del servizio reso dall'INPS ai Sindacati, così come determinato, sembra irrisorio rispetto alle attività necessarie per la gestione delle deleghe, specialmente se si tiene conto della gestione del cartaceo.