Il proliferare di compagnie assicurative inesistenti è un fenomeno amaramente diffuso che lacera ancor di più un settore già gravemente danneggiato dai costi vertiginosi applicati.

In questi giorni l'Ivass ( l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ha reso noto, attraverso un comunicato, la scoperta della commercializzazione di polizze cauzione contraffatte recanti l'intestazione "Totalins Insurance Broker in associazione con Allianz Bulgaria Holding".

Nel dettaglio, spiega l'Istituto che "la denominazione sociale Allianz Bulgaria Holding, non appartiene ad alcuna compagnia autorizzata o, comunque, abilitata all'esercizio dell'attività assicurativa sul territorio italiano"; allo stesso modo, "la denominazione Totalins Insurance Broker, non corrisponde a soggetti iscritti nel registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi e nell'elenco degli intermediari dell'Unione Europea; detta denominazione è simile a quella dell'intermediario bulgaro Totalins - Insurance Broker, abilitato ad operare in Italia in regime di libera prestazione dei servizi, che ha disconosciuto formalmente tali polizze, denunciando l'utilizzo di modulistica contraffatta".

Le polizze oggetto di contraffazione, secondo quanto anche dichiarato dall'Autorità bulgara, risulterebbero rilasciate dalla società Intenational Business Studies & Consultancy LTD, con sede in UK, Jason Walk- SE93DJ -Eltham- London, intermediario non iscritto nel RUI né nell'Elenco annesso al RUI, con il quale l'intermediario bulgaro TOTAL INS - INSURANCE BROKER ha dichiarato di non intrattenere alcun rapporto di collaborazione.

Per evitare di incorrere in questo genere di truffe, spesso riguardanti anche il settore Rc auto, l'Ivass raccomanda vivamente di seguire alcune sane regole prima di pattuire una nuova assicurazione.

Innanzitutto, è fondamentale consultare sul sito dell'Ivass, attraverso gli appositi elenchi on line, se la compagnia assicurativa con cui intendiamo formalizzare un'assicurazione, sia esistente o meno, e se possiede il permesso di operare in Italia.

In secondo luogo, sullo stesso sito dell'Ivass è possibile interrogare l'elenco relativo ai "Casi di contraffazione o società non autorizzate", oltre a quelli del registro unico degli intermediari assicurativi e dell'elenco degli intermediari dell'Unione Europea. Per ulteriori chiarimenti ed informazioni, l'Ivass invita tutti i consumatori a contattare il proprio Contact Center al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.30, negli altri orari, al n. 06/421331.