È dell'ultima ora la notizia dell'avvio di un'istruttoria da parte dell'Antitrust nei riguardi di 8compagnie assicurative per verificare se queste abbiano stabilito altrettante intese verticali finalizzate a ostacolare l'esercizio del plurimandato da parte degli agenti delle assicurazioni, e idonee nel loro insieme a restringere la concorrenza. I gruppi coinvolti sarebbero: Unipol Gruppo Finanziario, Fondiaria-Sai, Assicurazioni Generali, Allianz, Società Reale Mutua di Assicurazioni, Società Cattolica di Assicurazione, Axa Assicurazioni, Groupama Assicurazioni.

Dunque in seguito a diverse segnalazioni effettuate allo Sna (il sindacato nazionale agenti), l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ritiene che alcune clausole contenute nei contratti e dei relativi allegati delle compagnie, potrebbero costituire degli impedimenti in materia di concorrenza.

Ma quali sarebbero queste disposizioni finite sotto i riflettori? Si tratta di quelle relative all'esclusiva e che richiedono l'informativa agli agenti sulla assunzione di altri mandati: le clausole connesse all'uso di beni mobili e immobili, nonché le disposizioni sul calcolo delle provvigioni inerenti alla conservazione del portafoglio clienti, e più in generale il richiamo al rischio di revoca.

Tra i settori assicurativi maggiormente esposti, si evidenzia in maniera preoccupante quello del comparto Rc auto.

Il punto di vista dell'Ania. Alla luce di quanto suddetto, è intervenuta l' Associazione di rappresentanza delle imprese assicuratrici che ha immediatamente dichiarato: ''Le imprese di assicurazione italiane rispettano le leggi: le clausole dei contratti di agenzia oggetto dell'istruttoria sono conformi alla natura del rapporto fiduciario che si instaura tra un'impresa e un agente. Quest' ultimo secondo il Codice Civile è l'intermediario incaricato di sviluppare gli affari dell'impresa mandante. Se la previsione di clausole è di per sé una violazione alla concorrenza, scompariranno i contratti di agenzia e le imprese offriranno i loro prodotti attraverso altri canali''.