L'accertatore assicurativo riceve l'incarico dalla compagnia di assicurazioni di stabilire la veridicità di un evento, di una dichiarazione, del contenuto di un verbale o di un referto ospedaliero, dell'entità dei danni e/o delle lesioni.

Venuto in possesso degli elementi essenziali di una pratica di sinistro già aperta presso la compagnia di assicurazione, (nome dell'assicurato, nome del danneggiato, data del sinistro, luogo del sinistro, presenza di un legale) l'accertatore rintraccia personalmente le parti coinvolte per ottenere dichiarazioni spontanee sull'accaduto.

DA LEGGERE: Assicurazioni: nuove regole dall'Unione Europea

Effettua poi un sopralluogo minuzioso per individuare il luogo del sinistro, sulla scorta delle indicazioni fornite dalle parti verificando la dinamica e procede ad un rilievo fotografico.

Infine verifica, ove presente, la documentazione redatta dalla Pubblica Autorità e quella clinica, in particolare il referto di primo soccorso presso la Direzione Sanitaria Ospedaliera.

Una volta raccolta tutta la documentazione, l'Accertatore valuta la conformità delle dichiarazioni rese dal danneggiato a quelle dell'assicurato, allo stato dei luoghi, alla documentazione sanitaria e ai verbali ed infine alla compatibilità delle lesioni.

Nella relazione tecnica da consegnare alla Compagnia Assicuratrice, l'accertatore esprime un giudizio di conformità o meno di tutta la documentazione in suo possesso.

Nel caso in cui si riscontri una difformità delle dichiarazioni, l'Accertatore avrà il compito delicatissimo di ottenere dal danneggiato una rinuncia alla richiesta di risarcimento danni.