In questi ultimi anni si sono susseguite svariate leggi relative alla prescrizione delle polizze vita: nel 2006, infatti, il diritto a riscuotere le somme maturate si prescriveva in un anno, poi il periodo di prescrizione è stato stabilito in 2 anni, e alla fine del 2012, finalmente, è stato allungato a 10 anni, però senza efficacia retroattiva, quindi con riferimento soltanto alle nuove polizze.


Per dare una possibilità di riscuotere le somme prescritte ai beneficiari di polizze vita distratti o ritardatari oppure agli eredi ignari del contratto assicurativo sulla vita stipulato dal loro caro, con i soldi provenienti dalle multe elevante dall'Antitrust è stato istituito il Fondo polizze dormienti.
Vediamo allora quali sono le polizze dormienti interessate, chi ha diritto a chiedere il rimborso e qual è l'iter da seguire per ottenerlo.

Di quali polizze dormienti si può chiedere il rimborso?


Deve trattarsi delle polizze vita per le quali sono soddisfatte le seguenti condizioni:
- l'evento (la morte dell'assicurato o la scadenza della polizza) si è verificato dopo il 1° gennaio 2006;
- il diritto a riscuotere il capitale assicurato si è prescritto prima del 29 ottobre 2008;
- l'assicurazione si è rifiutata di versare le somme maturate in quanto prescritte ed ha trasferito l'importo al Fondo "Rapporti dormienti".

Chi può chiedere il rimborso?


Possono chiedere il rimborso i seguenti soggetti: titolare della polizza o beneficiario; loro eredi (i quali dovranno produrre una dichiarazione attestante il decesso del beneficiario); loro tutori o rappresentanti legali (che dovranno produrre il provvedimento di nomina); loro delegati o mandatari (che dovranno produrre la delega o il mandato a riscuotere).

Come fare per chiedere il rimborso?


È necessario presentare, entro il 15 aprile 2013, questo modulo di richiesta di rimborso compilato e corredato della seguente documentazione: copia del documento d'identità e del codice fiscale dell'avente diritto, copia della polizza vita, originale della dichiarazione rilasciata dall'assicurazione (o intermediario) attestante il rifiuto del pagamento delle somme prescritte.


Il tutto deve essere inviato alla Consap con raccomandata a/r al seguente indirizzo: Consap S.p.A. - Gestione Polizze dormienti, via Yser 14, 00198 Roma. In alternativa si può consegnare a mano il plico allo stesso indirizzo, oppure inviare la richiesta via pec (consap@pec.consap.it), facendo, però, pervenire in originale l'attestazione dell'intermediario.

Quando verrà effettuato il rimborso?


I conteggi verranno effettuati entro il 13 ottobre 2013. Dopodichè, tutti i richiedenti dovranno ricevere una risposta positiva o negativa. Dato che la somma disponibile è "limitata" (si parla di 7,6 milioni di euro), è possibile che non sia sufficiente per erogare gli interi rimborsi i quali, in questo caso, saranno parziali, cioè proporzionalmente ridotti.