Il 31 gennaio scade il termine per il pagamento dell'assicurazione contro gli infortuni domestici quindi casalinghi e casalinghe dovranno necessariamente appellarsi all'Inail. Il premio assicurativo ammonta a 12, 91 euro, poco più di un euro al mese, e determina un rendita mirata a tutelare, nell'eventualità di un incidente domestico, il lavoratore che abbia subito un danno di invalidità di almeno il 27%.

Sono obbligati a sottoscrivere l'assicurazione tutti coloro che hanno un'età compresa tra i 18 e i 65 anni, e svolgono anche in modo saltuario, gratuitamente e senza vincolo di subordinazione il compito di prendersi cura della propria famiglia e della casa. Sono esonerati, invece, coloro che praticano una professione che prevede l'iscrizione a forme di previdenza obbligatoria.

L'iscrizione è molto semplice: chi decide di assicurarsi per la prima volta deve compilare il bollettino di conto corrente intestato all'Inail, questo va compilato indicando l'importo di 12,91 euro. Chi si iscrive nell'arco dell'anno deve comunque corrispondere l'importo per intero, il costo comunque, è deducibile sul 730 o sul modello unico.

Chi è già iscritto invece dovrà provvedere a rinnovare l'assicurazione, l'Inail spedirà direttamente a casa degli iscritti entro la fine di ogni anno una lettera che ricorda la scadenza e in cui sarà allegato anche il bollettino di conto corrente per poter effettuare il pagamento. Si può pagare l'assicurazione presso gli uffici postali o anche via internet, attraverso il servizio di conto corrente online, per i titolari di carta di credito anche direttamente sul portale dell'Inail www.inail.it.

Sono esentati dal pagamento dell'assicurazione coloro che non hanno un reddito che superi i 4.648,11 euro e i 9.296 euro di reddito familiare; in questi casi, infatti, sarà lo stato a pagare il premio assicurativo. Se ci si trova in questa condizione bisognerà comunque notificare all'Inail che si è esentati dal pagamento.

L'assicurazione infortuni domestici Inail dà diritto, in caso di infortuni, ad una rendita se l'invalidità permanente che ne consegue è pari o superiore al 27%. La rendita per tutta la vita e oscilla da 166,79 euro al mese se l'invalidità è del 27% a 1.158,33 euro al mese se l'invalidità è al 100%. In caso di morte è prevista una rendita per gli eredi.