Le abitazioni lasciate incustodite durante le vacanze sono da sempre nel mirino dei ladri che approfittano dell'assenza dei proprietari per agire indisturbati. Stando ai dati consegnati dalle Prefetture al dipartimento di Pubblica Sicurezza, nel 2011 i furti negli appartamenti sono aumentati del 15% rispetto all'anno precedente. Mentre su un lungo periodo di circa vent'anni si può stabilire una media che oscilla dai 200 ai 430 furti in casa ogni 100.000 abitanti, ma con un trend in crescita ormai a partire dal 2006.

Per tutelarsi dai furti le compagnie assicurative propongono una vasta gamma di polizze assicurative, in modo da rispondere alle esigenze di ognuno. Ad esempio Poste Vita e Poste Assicura, le compagnie assicurative del Gruppo Poste Italiane, permettono di assicurare un appartamento di 80 mq al costo di 10 euro mensili. La copertura si estende anche ai casi di incendio, prevedendo il rimborso per i danni causati ad esempio da un corto circuito o da un impianto idraulico sia al proprio appartamento che a quello dei vicini.

Il risarcimento varia a seconda della dimensione dell'appartamento: ad esempio per 80 mq è prevista una garanzia contro i furti pari a 4.200 euro, che per 100 mq sale a 6.000 euro. Inoltre non è necessario fare un inventario preventivo degli oggetti a rischio di furto (oggetti preziosi, argenteria, computer, tv o piccoli elettrodomestici), ma è sufficiente denunciare l'evento alle forze dell'ordine. Inoltre a differenza di altre compagnie, le assicurazioni di Poste Italiane rimborsano anche in caso di mancata effrazione della porta d'ingresso, quando ad esempio il proprietario è stato costretto sotto minaccia ad aprire la casa o la cassaforte al ladro.