Le vacanze estive quest'anno sono un vero e proprio punto interrogativo per moltissimi italiani. Secondo i dati dell'Osservatorio mensile Findomestic, nonostante le ferie estive rappresentino quasi un "must" di tutti i lavoratoti italiani, a giugno soltanto il 54% degli italiani in età compresa tra i 18 e i 64 anni, aveva già deciso di partire per le vacanze, il 22% sa che non ci andrà, mentre il 24% deve ancora decidere.

A partire saranno in particolare i residenti nel Nord Ovest, nel Centro e i laureati del ceto up, mentre sono in molti coloro che ancora devono fare i conti per vedere se riusciranno o meno a partire. Il continuo deterioramento della situazione economico/finanziaria delle famiglie sta cambiando in modo radicale tutte le abitudini degli italiani. Per questo le vacanze, che costituiscono "beni secondari", sono una delle spese su cui si può tagliare per risparmiare.

Chi ha deciso di partire starà lontano da casa per un periodo medio di 13 giorni, mentre la spesa media è di circa 1.300 euro. Il Bel Paese continua a essere la meta preferita dagli italiani: il 75%, infatti, resterà dentro i confini nazionali, mentre solo il 31% andrà all'estero. Per questa categoria di turisti che si recano verso paesi stranieri, è bene non dimenticare alcuni piccoli accorgimenti per non avere brutte sorprese in vacanza.

Quando ci si reca all'estero, infatti, è bene non dimenticare di fare attenzione alle regole del Paese dove ci si reca sopratutto in tema di sicurezza stradale e di norme sanitarie. Nel primo caso bisogna avere la patente valida e vedere se basta la propria assicurazione auto o se è necessaria la carta verde. Per quanto riguarda l'assistenza sanitaria è bene informarsi sui costi del sistema sanitario del Paese e valutare se acquistare o meno un'assicurazione viaggio privata che garantisca per eventuali problemi di salute o infortuni.