Se si è insoddisfatti della propria compagnia assicurativa o ci si trova nella condizione di non poter utilizzare la propria moto per un determinato periodo, è importante conoscere le condizioni con cui si può fare la disdetta dell'assicurazione moto.

Anzitutto, come accade per la disdetta della Rca, è bene sapere se si ha una polizza senza tacito rinnovo o con tacito rinnovo. Nel primo caso il contratto di assicurazione cessa in modo automatico nel momento della sua scadenza. Le polizze senza tacito rinnovo sono generalmente quelle proposte dalle compagnie on line e quelle telefoniche, ma è possibile che anche le assicurazioni tradizionali prevedano questo tipo di assicurazione. Per questo è bene verificare sul contratto se si c'è o meno il tacito rinnovo.

DA LEGGERE: Disdire l'assicurazione: come fare per cambiare polizza o rinnovare?

Nel secondo caso, cioè se è previsto il tacito rinnovo, il motociclista deve prestare molta attenzione ai tempi di scadenza della propria assicurazione moto e a quelli entro cui è possibile dare la disdetta del contratto. In questo caso, infatti, in mancanza di domanda di altra comunicazione, l'assicurazione si rinnova automaticamente di anno in anno seguendo il meccanismo del silenzio-assenso.

Nel caso in cui si voglia cambiare compagnia o semplicemente non rinnovare più l'assicurazione moto, quindi, se si ha un contratto con tacito rinnovo è bene muoversi per tempo e comunicare con una raccomandata con ricevuta di ritorno o con un fax, almeno 15 giorni prima della scadenza della polizza, la volontà di recesso dal contratto. In caso contrario, la polizza sarà rinnovata automaticamente.

L'unica eccezione rispetto al tempo di preavviso è rappresentata dal caso in cui ci sia un aumento del premio da pagare superiore all'inflazione programmata per l'anno di scadenza del contratto. In questo caso la disdetta potrà essere inviata fino al giorno della scadenza, sempre tramite raccomandata o fax.