Partire senza alcuna preoccupazione è possibile, sopratutto se si stipula un'assicurazione viaggio base che copra almento le spese sanitarie e quelle relative allo smarrimento dei bagagli. Quando si decide di partire per l'estero è opportuno anzitutto informarsi sul funzionamento della sanità nel Paese dove ci si sta recando.

Se si va in uno Stato con un sistema sanitario privato (come gli stati Uniti) o in un posto in cui la sanità non funziona in modo efficiente, per non rischiare di avere brutte sorprese quando ormai è troppo tardi, è opportuno stipulare preventivamente una polizza sanitaria che preveda il rimborso da spese mediche e/o che garantisca i costi ospedalieri in caso di malattia o infortunio. Nel caso in cui si viaggi con un Tour Operator è sempre bene verificare se la polizza inclusa abbia le caratteristiche adeguate al Paese di destinazione. Se non fosse così, potrebbe essere il caso di stipulare una polizza integrativa privata.

Se oltre all'assicurazione sanitaria si vuole essere coperti anche da imprevisti legati alla rinuncia del viaggio per motivi non prevedibili, è possibile anche stipulare una polizza specifica per questi eventi. Questa polizza è detta "assicurazione di annullamento viaggio" e di solito è esclusa dall'assicurazione viaggio sanitaria. Inoltre, se si teme per la perdita o lo smarrimento dei propri bagagli, è possibile sottoscrivere una polizza ad hoc che rimborsa l'assicurato nel caso di inconvenienti legati al suo bagaglio personale. In generale, comunque, prima di partire è bene controllare tutte le caratteristiche e le clausole del proprio contratto di assicurazione, per evitare cattive sorprese che possono rovinare il viaggio.