Fare un viaggio di studi all'estero è ormai un'abitudine di molti studenti, che sempre più spesso decidono di fare un soggiorno in un Paese straniero per fare un'esperienza diversa e per conoscere nuovi amici. Chi decide di partire per un viaggio di studio e formazione all'estero, dovrà saper organizzare non solo la propria permanenza nel Paese, ma anche pensare ad assicurarsi contro i possibili inconvenienti che possono normalmente capitare.

A seconda del Paese dove ci si reca, è bene quindi stipulare un'assicurazione viaggio adeguata alle proprie esigenze e tenga conto del funzionamento della sanità del Paese in cui si starà. Ad esempio, se si decide di fare un viaggio-studio negli Stati Uniti, dove la sanità è molto costosa, è bene avere un'assicurazione viaggio che copra le spese sanitarie. Allo stesso modo, se ci si reca in un Paese con un apparato sanitario poco efficiente, la sottoscrizione di una polizza sanitaria diventa più che consigliata.

Per i giovani, gli studenti e in generale per tutti coloro che partono per una "vacanza-studio", avere una copertura assicurativa che tuteli contro gli eventuali inconvenienti dovuti alla perdita del bagaglio, a incidenti contro terzi o, ancora, più semplicemente, causati da una malattia o da un infortunio, appare una garanzia "necessaria" per partire senza troppe preoccupazioni.

A questo proposito, sul mercato, sono presenti molti pacchetti assicurativi pensati apposta per giovani e studenti che vogliono partire per un soggiorno o una vacanza-studio. Erv, ad esempio, offre l'assicurazione viaggio "Giovani&Studenti", la polizza ad hoc, pensata appositamente per questo tipo di esigenze. Questa polizza viaggio copre le spese mediche, prevede il rimborso in caso di smarrimento o furto dei bagagli e il rimborso per danni provocati a persone, animali e Terzi. È una polizza personalizzabile a seconda delle proprie esigenze.