Pianificare bene un viaggio all'estero vuol dire non solo organizzarsi per la prenotazione, programmare le mete e preparare i bagagli, ma anche pensare ai possibili rischi a cui si può andare incontro, per cercare preventivamente le soluzioni più adeguate per affrontarli. Nel momento in cui si parte per un Paese straniero ad esempio, è molto importante pensare a una copertura sanitaria che permetta di viaggiare in tranquillità, senza dover badare alle eventuali spese che si potrebbero avere in caso di infortunio o malattia.

Se la meta è un Paese dell'Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo, la Svizzera, o un Paese con cui il Governo italiano ha creato un'alleanza sanitaria (l'elenco è disponibile sul sito del Ministero della Salute), di solito la Tessera Sanitaria basta come assicurazione sanitaria. In questi Stati, semplicemente presentandola, il cittadino italiano ha diritto a ricevere assistenza nelle strutture sanitarie pubbliche.

Se si decide di andare in un altro Paese straniero, invece, per essere coperti nelle spese sanitarie, è necessario stipulare un'assicurazione viaggio privata. In questi casi non è assolutamente obbligatorio sottoscrivere un'assicurazione sanitaria privata, tuttavia è sicuramente conveniente in Paesi in cui le tariffe per l'assistenza sanitaria sono molto elevate, come ad esempio gli Stati Uniti.

Il costo della polizza viaggio dipende principalmente dalla durata del viaggio e dal Paese di destinazione. Anche il prezzo dell'assicurazione sanitaria per viaggi può variare a seconda dei casi in cui si vuole essere tutelati. Il premio va ad aumentare più sono le coperture richieste.

Generalmente la copertura delle spese sanitarie è compresa nei normali pacchetti di assicurazione viaggio offerti da compagnie tradizionali, compagnie on line o agenzie, ed è unita di solito alla copertura per lo smarrimento o il furto dei bagagli.