Dopo un anno di duro e stressante lavoro, il periodo delle festività natalizie può essere un'occasione ideale per concedersi una vacanza. Per non rischiare che il viaggio si trasformi in un incubo, però, è sempre meglio procurarsi una buona assicurazione viaggio prima della partenza.

Secondo il motore di ricerca hotel, Trivago.it, le destinazioni che questo Capodanno hanno visto i maggiori aumenti delle tariffe sono quelle dove è più difficile trovare una sistemazione. Ad esempio ad Edimburgo è rimasto solo l'1% degli alberghi prenotabili ad un prezzo medio di 352 euro a notte, il 196% in più rispetto alla media di dicembre. Incrementi rilevanti anche per mete molto amate da giovani come Amsterdam e Praga, che presentano rispettivamente l'11% e il 20% degli hotel prenotabili, ad un costo medio di 272 euro a notte per l'una e di 361 euro per l'altra.

Le località estere più ricercate dagli italiani per brindare al nuovo anno sono Parigi e Londra che hanno posti limitati, rispettivamente al 23% e al 21% . Roma continua a collocarsi tra le città del bel Paese in cima alle ricerche per Capodanno da parte degli italiani, che qui possono ancora trovare il 30% delle strutture ricettive, con un prezzo medio di 183 euro.

Inoltre, secondo l'ultima ricerca di Aduc, l'Egitto rimane una delle mete più gettonate dai turisti. Quindi, per chi può permettersela economicamente, una meta calda e lontana continua ad essere una soluzione ideale per conciliare estremo relax e divertimento, anche se spesso il rischio correlato a questo tipo di località rende necessaria la stipula di un'assicurazione viaggio contro eventuali rischi. Prima di firmare qualsiasi tipo di contratto, Aduc consiglia sempre di leggere con molta attenzione tutte le clausole per comprendere i vari ambiti di copertura delle assicurazioni, che possono andare dalla malattia, all'infortunio, agli incidenti, alle calamità naturali e agli attentati, e le eventuali franchigie e oneri accessori, come ad esempio le iscrizioni, che devono essere pagati in aggiunta all'assicurazione stessa.

Aduc riprende anche il problema degli annullamenti del viaggio in una località a rischio e ricorda che "disdire un pacchetto turistico è oneroso perché comporta penali tanto maggiori quanto più ci si avvicina alla data di partenza. Annullare una prenotazione 3 giorni prima della partenza significa perdere il 100% di quello che si è pagato, cioè tutto il costo della vacanza. Solo una comunicazione ufficiale del ministero degli Affari Esteri e/o del ministero della Salute, che sconsiglia il viaggio per motivi di sicurezza o di sanità, può portare all'annullamento del viaggio senza penalità. In questo caso, in seguito ad un accordo tra i maggiori tour operator e il ministero degli Affari Esteri, il turista può essere indirizzato su altra località, che potrebbe avere costi maggiori, che devono essere pagati dal viaggiatore, oppure può essere rimborsato". Ecco perché, per sentirsi maggiormente tutelati, si consiglia la sottoscrizione di una assicurazione viaggio.