L'autorità europea di controllo per le assicurazioni (Eiopa), in occasione della sua analisi semestrale del settore assicurativo, ha rilevato che negli ultimi sei mesi le prospettive per il mondo delle assicurazioni sono andate peggiorando. Le cause congiunte di questo peggioramento sono state l'aggravamento della crisi del debito sovrano dei singoli Stati, il rallentamento generale dell'economia e i bassi livelli dei tassi di interesse.

L'Eiopa, dopo aver effettuato uno stress test su un campione di 82 compagnie assicurative per valutare il comportamento e le capacità di tenuta del settore in uno scenario che prevede un prolungato periodo di bassi tassi, ha rilevato che solo otto società non rispetterebbero i requisiti patrimoniali minimi richiesti per resistere a questa situazione.

A pesare molto sul settore delle assicurazioni è soprattutto il rischio sovrano dei Paesi, in particolar modo in mancanza di una risposta politica che non venga solamente dai singoli Stati, ma a livello globale, per cui l'Eiopa sostiene che "se le risposte politiche rimangono poco convincenti, i settori assicurativi e previdenziali europei potrebbero essere gravemente e negativamente influenzati". Per quanto riguarda il mercato delle azioni il settore delle assicurazioni ha registrato una perdita del 16% durante il 2011: gli investitori sono stati infatti impauriti dai possibili aumenti di capitale che le società di assicurazioni potrebbero applicare, nel tentativo di contrastare il crollo del valore dei titoli sovrani europei che fanno parte del portafoglio delle compagnie. Il valore dei titoli assicurativi, nel caso di crescita del capitale, risulta inferiore, scoraggiando gli investimenti nel settore.